I.I.S. "Marcello Malpighi"
Lettera aperta agli studenti ed ai genitori

OGGETTO: DIDATTICA A DISTANZA  E INVITO AL DIALOGO EDUCATIVO

 Cari studenti e studentesse,

gentili genitori e tutori,

 

ci troviamo oggi ad affrontare eventi che, fino a qualche giorno fa, sembravano inimmaginabili. Lo scatto nelle misure di sicurezza disposte dal nostro Governo, se ci pone senza sconti di fronte alla gravità della situazione, ci richiama però anche ad unaprova di maturità e di responsabilità personale a cui tutti abbiamo il dovere di rispondere. Tuttavia, in quella che probabilmente ci appare ora come una sospensione del tempo e della nostra stessa vita - almeno per come eravamo abituati fino a poche settimane fa- dobbiamo necessariamente dare risposte diverse dal solito.

Per quanto riguarda l’istruzione, ricordo che, con la nota ministeriale n. 278 del 6 marzo 2020, è stata richiamata “la necessità di favorire, in via straordinaria ed emergenziale, in tutte le situazioni ove ciò sia possibile, il diritto all’istruzione attraverso modalità di apprendimento a distanza” e, con la nota n. 279 dell’8 marzo 2020, è stato chiarito come realizzare le suddette modalità:Le istituzioni scolastiche e i loro docenti stanno intraprendendo una varietà di iniziative, che vanno dalla mera trasmissione di materiali (da abbandonarsi progressivamente, in quanto non assimilabile alla didattica a distanza), alla registrazione delle lezioni, all’utilizzo di piattaforme per la didattica a distanza, presso l’istituzione scolastica, presso il domicilio o altre strutture. Ogni iniziativa che favorisca il più possibile la continuità nell’azione didattica è, di per sé, utile.

Dunque, per tutta la durata della sospensione delle attività didattiche in seguito all'emergenza epidemiologica da COVID-19,anche la nostra scuola ha attivato, in ottemperanza a quanto dettato dal DPCM 4 marzo 2020, modalità di didattica a distanza, con particolare attenzione alle specifiche esigenze degli studenti con bisogni educativi speciali. In linea con la politica di promozione della didattica innovativa che abbiamo sempre sostenuto, il processo educativo nel nostro Istituto non si ferma e affronta la nuova sfida formativa che lo stato di emergenza in atto in tutto il nostro Paese impone. La Scuola “c’è” e ognuno di noi cercherà di svolgere al meglio il proprio compito, professionale e umano.

Grazie davvero ai docenti che hanno responsabilmente condiviso l’urgenza di mantenere vivo il dialogo apprenditivo tra Scuola-Famiglia-Allievi con ogni mezzo a distanza possibile, sono già state poste in essere numerose attività attraverso tecnologie e supporti multimediali: Aule Virtuali Spaggiari (in corso di attivazione) per tutti gli studenti; Google Suite per gli studenti muniti di mail istituzionale; Google Drive e Cloud predisposti dal Team Digitale ed in condivisione ora per gli studenti ora per i docenti; condivisione di link, testo, audio, video, file grafici, dispense, mappe, schemi, etc.; tutorial e spazi sito web dedicati.

Invito però tutti voi, studentesse, studenti, famiglie e quanti hanno la responsabilità dei nostri allievi, a fare una ulteriore presa in carico e a cooperare, attivamente e con costanza, per mantenere il filo rosso del dialogo educativo e per porre insieme le condizioni più favorevoli al superamento di questo momento complesso.

Le famiglie e i tutori sono chiamati alla collaborazione monitorando, mediante il Registro Elettronico (Agenda, Annotazioni, Didattica, etc.), l’andamento delle attività a distanzadelle classi, e spronando gli allievi ad usufruire di tutte le opportunità offerte dalla Scuola attraverso i canali istituzionali.

Voi, studentesse e studenti, per primi, dovete impegnarvi a rispondere con senso di responsabilità a tutte le iniziative di didattica alternativa proposte dai vostri docenti e a saperne fare occasione di cambiamento. In qualche caso, potrete essere voi stessi ad insegnare agli insegnanti come utilizzare al meglio le nuove tecnologie, con uno scambio significativo di ruoli, e ripenserete con loro il mondo digitale. Si tratta ovviamente di unlavoro in progress: impareremo tutti insieme a fare un tipo diverso di scuola, ad essere di maggiore aiuto fra noi, ad usare Internet in maniera riscoperta.

La maggior parte di voi si è già attivata per rispondere adeguatamente e ve ne rendiamo merito, ma alcuni ancora risultano non connessi e restii alla didattica a distanza. È il tempo di unirsi al lavoro comune, al fine di riuscire quanto meno a ridurre gli inevitabili danni di questa situazione di emergenza. Per altro, come da normativa vigente (Dpr 122/2009, D.lgs 62/2017), le varie attività che vedranno impegnati docenti e studenti potranno contribuire, nel loro essere “formative”, alla valutazione sommativa e finale nelle diverse discipline. Se non l'aveste ancora fatto, FIRMATE LA LIBERATORIA GOOGLE SECONDO LE MODALITÀ PRESENTI SULLA WEB PAGE DI ISTITUTO.

Come ha affermato il prof. Massimo Recalcati “È una grande prova che dovrebbe impegnare già oggi ciascuno di noi: resistere alla tentazione del panico, rispondere alla minaccia con senso diresponsabilità non considerando solo l’orizzonte della propria vita individuale, ma avvertendo di partecipare consapevolmente ad un’azione civile collettiva che investe l’intera vita della nostra comunità. Con l’auspicio di tornare al più presto alle condizioni di presenza e prossimità reali a Scuola e di benessere per noi tutti, partiamo allora dal riscoprire intanto un sentimento di appartenenza: a un comune destino, a una comunità politica e, nel caso della Scuola, a una comunità educante - vera, attiva e collaborativa.

 

IL DIRIGENTE SCOLASTICO, GABRIELE CHESSA

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.